Il lavoro non si chiede, si conquista!

Qual è la prima cosa che dici quando cerchi lavoro? Te lo dico io, probabilmente utilizzi formule come “c’è lavoro?”, “cercate qualcuno?”, “ci sono opportunità?”, “sto cercando lavoro…”. Quello che stai facendo è chiedere lavoro.

Ma oggi il lavoro non lo devi più chiedere, lo devi conquistare!

Devi imparare a dire “non chiedo lavoro, io voglio lavorare!”. Se pensi alla quantità di persone che cercano lavoro e alle poche imprese che cercano lavoratori, capisci perché ti suggerisco questa strada.

La persona che viene scelta, selezionata per un lavoro, ai cui viene offerto un contratto, oltre ad avere le competenze adatte, è sempre quella più motivata, più energica e più volenterosa. A volte la volontà e la determinazione possono addirittura superare le competenze.  

Prendi ad esempio un ragazzo giovane, che non ha esperienza ma è in cerca di lavoro. Se questo si presenta alle imprese o alle agenzie per il lavoro manifestando una grande volontà di voler imparare ha ottime possibilità di fare colpo. Certo che la grande volontà non si improvvisa, nasce da dentro quando:

Hai capito cosa ti piace e cosa vuoi fare nella vita: ho scritto diversi articoli su questo tema e continuerò a farlo, è un elemento fondamentale per fare breccia nel mercato del lavoro moderno. Non si può cercare lavoro senza avere chiara la propria vocazione, la propria direzione professionale, quel lavoro che vuoi davvero fare. E questo vale per tutti, dalle figure più strutturate, laureate, al “semplice” operaio, che poi tanto semplice non è. Ognuno può trovare il bello in quello che vuole fare a qualsiasi livello, anche per le pulizie o l’utilizzo di un particolare utensile. Ci sono persone che provano grandi soddisfazioni in queste attività e non devono nasconderlo, anzi dovrebbero imparare ad utilizzarlo come punto di forza!  

– Sei pronto al sacrificio concreto: alle parole devono seguire i fatti. Se sei volenteroso vuol dire che sei pronto a metterti in gioco, a buttarti nella mischia, a farti valutare, a lavorare gratis o quasi, a non lamentarti ogni due secondi per qualcosa, ad arrivare 5 minuti prima e ad andare via 20 minuti dopo. Questa è volontà dimostrata e ti assicuro che nella maggior parte dei casi, l’impresa la apprezza e la valorizza nel tempo.

Questo principio vale anche per una persona di qualsiasi età, che si sta rimettendo sul mercato per mille motivi. Non è facile, ci sono tanti ostacoli e tanti altri candidati, ma se focalizzi l’obiettivo, ti impegni a costruire un curriculum adeguato al ruolo, ovvero che racconti formazione ed esperienze – anche di stage – in linea con quanto richiesto, ed entri in una modalità di volontà e motivazione allora vedrai che smetterai di cercare lavoro e comincerai a conquistarlo!

Allora vedrai che invece di dire un “cerco lavoro” generico, quanto ti presenterai in azienda o nelle agenzie per il lavoro, sarai ben orientato e dirai “io non cerco, muoio dalla voglia di fare questo lavoro!”

Post a Comment